Skip to Menu Skip to Content Skip to Footer

IN RILIEVO

StoriaScopi


L'ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino) è sorta in Asti nel 1951 per iniziativa della Camera di Commercio di Asti e per volontà di personalità eminenti del mondo vinicolo del tempo.
L'8 luglio 1981 con D.P.R. n°563 ha ottenuto il riconoscimento giuridico.

Le ragioni che ne determinano la nascita vanno ricercate nell'esigenza, già allora assai sentita, di rendere disponibile un corpo di assaggiatori affidabili, perché specificatamente preparati ed esaminati, atti a svolgere la delicata ed impegnativa funzione.


All'assaggiatore sono richiesti un complesso di doti naturali, di specifiche conoscenze tecniche ed un addestramento, ai quali si deve ricorrere quando si voglia ottenere un giudizio significativo e completo sulla qualità del vino.

Gli scopi dell'Associazione

Dalla data della fondazione ad oggi, gli scopi che l'ONAV si prefigge sono rimasti gli stessi, così come evidenziati dall'art. 2 del vigente statuto, qui riportato:


• mantenere viva ed efficiente nei Soci la tradizionale funzione di assaggiare e di valutare i vini, valorizzando il loro specifico e insostituibile impiego anche con l'opera di sensibilizzazione presso enti, istituzioni e privati, perché facciano ricorso abituale alle loro competenze;


• istituire per i Soci corsi specialistici, a tutti i livelli, al fine di dare loro una preparazione generale che sia il più possibile unitaria, di contribuire ad una sempre maggiore e migliore affidabilità in sede di valutazione, di offrire un continuo aggiornamento sotto il profilo metodologico;


• promuovere iniziative volte a fare conoscere l'importanza (rendere più attento il produttore e più consapevole il consumatore) e il piacere (favorire l'approccio corretto con il prodotto) dell'arte dell'assaggio;


• gestire l'Albo Nazionale dei Soci, allo scopo di tutelare il titolo "Assaggiatore di Vino" e le sue prerogative.


Cosa offre ai Soci


L'ONAV consente ai propri soci un continuo aggiornamento professionale tramite un’intensa attività organizzata sia a livello nazionale, dalla sede centrale di Asti, sia dalle sezioni regionali e provinciali. Fra le iniziative più importanti sono da ricordare:


• il Convegno Nazionale organizzato ogni anno, con visite ad importanti aziende vinicole, degustazioni e relazioni tecniche su temi di attualità per l'Assaggiatore;

• i viaggi di studio all'estero mirati alla conoscenza delle realtà vitivinicole sia europee sia mondiali;

• La "Giornata dell'Assaggiatore", manifestazione annuale dedicata a tematiche d'interesse scientifico legate alla pratica dell'assaggio e alla definizione della qualità dei prodotti più tipici;

• le selezioni per i concorsi enologici tra i quali il Concorso Enologico Nazionale Premio Douja d'Or di Asti; il Concorso Enologico del Mezzogiorno di Lamezia Terme; il Concorso Marengo Doc di Alessandria;

• le selezioni per la "Guida dei vini ONAV";

• l'abbonamento alla rivista "L'Assaggiatore".

 

Come si diventa Assaggiatori

Per diventare "
Assaggiatori di Vino" è sufficiente richiedere l'iscrizione all'ONAV nella classe degli Aspiranti Assaggiatori, versando la quota d’iscrizione stabilita dal Consiglio Nazionale.
Il socio "Aspirante Assaggiatore" può frequentare un corso apposito, articolato in 18 lezioni teorico-pratiche; superato l'esame finale, accederà automaticamente alla classe degli "Assaggiatori di Vino", riceverà la patente e sarà inserito nell'Albo Nazionale ONAV. 
Gli enologi, gli enotecnici e i laureati specializzati in viticoltura ed enologia, con due anni d’esperienza degustativa, che facciano domanda d’iscrizione all'ONAV, accedono direttamente alla classe degli Assaggiatori con la qualifica di "Tecnici Assaggiatori".

 

 
CopyrightWebmaster contatti-off informazioni-legali-off Dati per fatturazioneAdempimenti