Skip to Menu Skip to Content Skip to Footer

IN RILIEVO

" Alla scoperta di vini moderni attraverso la coltivazione di vitigni antichi e rari. " - 3° incontro
Faenza (RA), mercoledì 6/11/2019 ore 20:00 - per iscriverti clicca qui

" Alla scoperta di vini moderni attraverso la coltivazione di vitigni antichi e rari. " - 3° incontro

In questo terzo appuntamento ci  spostiamo nel nord-ovest dell’Italia, area geografica  in cui i vigneti si estendono su pendii e dossi collinari esposti da est ad ovest e nelle zone lacustri dal clima maggiormente mite. Ci guiderà alla scoperta dei vitigni e dei vini di quest’area geografica l’enologo Michele Leonardi.

In Valle d’Aosta, ad altitudini molto elevate, il “Priè Blanc” trova condizioni di sviluppo ottimali ed è coltivato a piede franco con un ciclo vegetativo molto ridotto a causa delle condizioni climatiche dell’habitat. Si ottiene un vino molto sapido, con sentori di fiori di campo e frutta tropicale.

In Piemonte, una regione con antica tradizione vitivinicola e, precisamente nelle zone più soleggiate delle colline dell’Alba, è presente la “Nascetta”. I grappoli sono medio grandi, gli acini di un colore giallo tendente all’ambrato. Si ottengono vini bianchi secchi con sentori di frutta a polpa gialla e leggermente agrumati.

Altro vitigno tipico della regione è la “Barbera Bianca” conosciuto anche come “Carica l’asino”. È un vitigno diffuso nella zona dell’Acquese, dai grappoli medio grandi, acini di colore bianco verdastri con buccia pruinosa e spessa. Si ottiene un vino piacevole dal profumo fruttato e dal gusto immediato.

L’Erbamat, vitigno autoctono del bresciano, presente prevalentemente nell’area del Lago di Garda, prende il nome dal colore verde erba della buccia. L’Erbamat  è a maturazione tardiva e non è utilizzata in purezza. Il vino che degusteremo sarà un uvaggio di Trebbiano Valtenesi e Erbamat.

Nel panorama dei vini tipici della Liguria troviamo lo “Cimixa” o “Scimiscià”, un vitigno autoctono della regione, recuperato recentemente, che produce uve zuccherine dagli acini puntinati da cui deriva il caratteristico nome.  Si ottengono vini secchi, piacevolmente fruttati con note agrumate.

 

 Degustazione vini della serata:

 

Valle d’Aosta    -  vitigno Prié blanc   -   Cave Mont Blanc di  “ Cave Mont Blanc

Piemonte         -  vitigno Barbera bianca (Carica l’asino) -  Cariolaso di  “ Casa vinicola Marenco

Piemonte         -  vitigno Nascetta   -  Anas-Cëtta di “ Azienda  Agricola Cogno

Lombardia        -  vitigno Erbamat   -  Perlì di  “ Comincioli

Liguria             -  vitigno Cimixa o Scimiscià -   Senté di “ U’ Cantin

  

Per visualizzare il programma completo di tutte le serate, clicca qui.

 

Quota di partecipazione soci ONAV    € 20,00    -  non soci   € 25,00

Numero massimo partecipanti 25.

È richiesta prenotazione obbligatoria entro e non oltre il 04 novembre 2019 inviando mail a:

ravenna@onav.it indicando nome/cognome e recapito telefonico

oppure utilizzando link di iscrizione sul sito ONAV - pagina facebook ONAV Ravenna.

Si allega programma dell'intero ciclo degli eventi.

Per ulteriori informazioni contattare:

Dario DI NISO    - Tel. 338.851 97 92   dalle ore 18.00 alle ore 20.00

Ivano VALMORI - Tel. 335.125 39 60   dalle ore 18.00 alle ore 20.00

Bistrò Rossini
Piazza del Popolo, 22, 48018 Faenza (RA)
http://www.bistrorossini.it/

Visualizza la mappa
Il contributo di partecipazione è fissato in €20,00 per i soci, €25,00 per i non soci.
L’evento è aperto a tutti.
Il numero di partecipanti è fissato in un minimo di 15 e un massimo di 3.
Questo evento contiene un allegato, per scaricarlo clicca qui
 
Le iscrizione all'evento sono chiuse.
 
CopyrightWebmaster contatti-off informazioni-legali-off Dati per fatturazioneAdempimenti