Skip to Menu Skip to Content Skip to Footer

IN RILIEVO

Vermentino, il vitigno che "sente" il mare
Venezia, mercoledì 25/9/2019 ore 20:30 - per iscriverti clicca qui

Vermentino, il vitigno che "sente" il mare

...."Il Vermentino è il vitigno prediletto... La sua fecondità, la precocità e la dolcezza della sua uva e le qualità del vino che produce formano un insieme di pregi difficili a trovarsi riuniti in un altro vitigno" (G. Gallesio)"

Il Vermentino è un vitigno a bacca bianca molto pregiato, coltivato in prevalenza in Liguria, con alcune estensioni in Toscana e in Sardegna, mentre al di fuori dell'Italia lo si trova nella Francia del sud, nella regione del Languedoc-Roussillon, e in Corsica, sotto il nome di Malvoisie Précoce d'Espagne o Malvoisie à gros Grains. Quando coltivato in Lunigiana il nome utilizzato è Vermentino Reale.Non se ne conosce bene l'origine, per cui gli esperti stanno ancora valutando le varie ipotesi.

Tra le varie origini presupposte vi è quella araba e quella spagnola, ma anche quella che lo vuole come derivante dal gruppo delle Malvasie. Questa ipotesi si avvale della grande ampiezza di questo gruppo, ma come per le altre non vi sono basi scientifiche, e gli appassionati fondano le loro teorie solo su scarse notizie consegnate dai vari personaggi storici. L'ipotesi araba sembra la meno verosimile, considerando l'avversione della religione musulmana verso i prodotti alcolici.

Nell'origine spagnola invece si trova conforto nelle località geografiche in cui il vitigno è storicamente coltivato, che sembrano ricalcare gli spostamenti greci a partire dalla città di Massalia, l'antico porto Marsiglia da cui questo popolo organizzava molti traffici commerciali. L'antica Marsiglia è il punto migliore da cui diffondere il vitigno nelle isole e in Liguria. Gallesio invece descrive il vitigno come autoctono ligure, originario delle Cinque Terre con il nome di Piccabon o Piccabuon, vitigno utilizzato per la Vernaccia locale. In Sardegna invece il vitigno fa parte della storia recente, considerando l'assoluta mancanza di qualsiasi riferimento passato da parte dei vari studiosi locali, che mai lo hanno menzionato nei loro scritti. Questo escluderebbe la sua introduzione dalla Spagna, possibile solo durante la dominazione degli iberici nel Rinascimento.

Nella zona dei Colli di Luni vi sono infine dei riferimenti fatti da Plinio, che però lo confondono con il Favorita ed il Pigato, non riuscendo però a dare nessuna certezza. Il vitigno è molto adattabile, ricalcando le caratteristiche delle Malvasie e rafforzando l'ipotesi di questa origine. Il Vermentino è aromatico, e fornisce ai vini profumazioni delicate ma molto decise, ed un'acidità naturale molto utile anche per l'invecchiamento.

In Liguria, e negli sconfinamenti nella Toscana settentrionale, il Vermentino è il migliore vitigno a bacca bianca, oltre ad essere il più coltivato. Simbolo di qualità, può essere anche tagliato con i vitigni locali Pigato e Bosco, ma i suoi più grandi risultati sono in purezza, con vinificazioni molto pregiate. Come anticipato nel paragrafo precedente, il il vino da Vermentino ligure è meno acido rispetto a quello sardo, perché raccolto dopo, a piena maturazione. Questo consente di esaltare i profumi rispetto alla freschezza, con vini ancora più aromatici dei leggeri ma giovanili sardi. Le caratteristiche organolettiche si giocano sui frutti bianchi e aromi di cedro e agrumi. Il palato risulta più caldo e morbido, ben maturo, che accompagna piatti più complessi.

La Liguria grazie al Vermentino si è posta al centro dell'attenzione nella produzione di vini bianchi, con vini eleganti anche se non troppo sofisticati.

 Ad accompagnarci in questa esperienza di degustazione ci sarà Marco Rezzano, Presidente dell’Enoteca regionale della Liguria, sommelier di rango, profondo conoscitore dei vini liguri ed appassionato divulgatore enologico.

 Vini in degustazione

 Colli di Luni Vermentino "Stemma" 2018 - Il Chioso

Colli di Luni Vermentino SUperiore "Boceda" 2018 - Zangani

Colline di Levanto Vermentino "Lucicante" 2018 - Cà Dù Ferrà

Golfo del Tigullio Portofino Vermentino "Intrigoso" 2018 - Bisson

Riviera Ligure di Ponente Vermentino "Montenero" 2018 - Ramoino

Riviera Ligure di Ponente Vermentino Speriore "Mael" 2017 - Podere Grecale

...e per finire due Vermentini a lunga macerazione che scopriremo assieme......

 Degustazione tecnica a cura di ONAV Venezia

 

Hotel Villa Rosa
Cannaregio, 389, 30121 Venezia VE Venezia
https://www.villarosahotel.com/it/

Visualizza la mappa
Il contributo di partecipazione è fissato in €25,00 per i soci, €0,00 per i non soci.
L’evento è riservato ai soci.
Il numero di partecipanti è fissato in un minimo di 15 e un massimo di 25.
Per cortesia ricordati di portare i bicchieri da degustazione
 
Le iscrizione all'evento sono chiuse.
 
CopyrightWebmaster contatti-off informazioni-legali-off Dati per fatturazioneAdempimenti